Breaking News

5G and Logistics: future perspectives organizzato da Assopostale al Centro Studi Americani

Si è concluso il workshop “5G and Logistics: future perspectives” organizzato dall’Associazione Assopostale ed ospitato dal Centro Studi Americani.

Un importante momento di confronto che in 120 minuti ha messo a confronto il mondo della logistica, delle telecomunicazioni e delle Istituzioni.

Assopostale è l’associazione di categoria di riferimento per gli operatori postali privati operanti in Italia, espressione quindi di uno dei mercati che sarà maggiormente rivoluzionato dall’utilizzo della tecnologia 5G.

L’avvento dell’e-commerce e la diminuzione dei volumi postali sono le precondizioni che rendono sempre più convergente il mercato postale con quello della logistica: un mercato che di per sé rappresenta già il 9% del pil nazionale.

Le stime realizzate dalla Fondazione Ugo Bordoni e la consapevolezza secondo la quale il mondo della logistica è da sempre il maggior alleato del settore delle comunicazioni, hanno reso sin da subito la percezione di come l’impiego di tecnologia 5G nel settore logistico permetterà lo sviluppo di nuovi servizi, quindi l’apertura di nuovi mercati e di nuove forme di business, con la conseguente creazione di nuove figure professionali.

E’ necessario valorizzare questa opportunità senza dimenticare l’esperienza che in passato ha limitato la crescita del mercato postale tradizionale: la liberalizzazione del mercato e l’intesa nazionale tra ex monopolista e new comers possono determinare una vera industria nazionale del b2b e del b2c, filtro alle tante e future sfide globali.

L’importante è non incorrere nell’utopistica visione secondo la quale un time to transfert, di merci e informazioni, possa tendere allo zero perché se da un lato si accorcerebbe significativamente la filiera produttore/consumatore da origine a destino, dall’altro si rischierebbe di cancellare ogni intermediazione nel dialogo tra committenza – vettore – merce.

Allo sviluppo della tecnologia 5G, in grado di configurare smart cities di conforto come raccontato dai tanti interventi aziendali, vanno tuttavia accompagnate politiche di sensibilizzazione per accrescere l’etica nei nuovi rapporti di lavoro e la cultura sui nuovi rischi di cybercrime che ne potranno derivare.

Alle Autorità spetterà il compito di regolamentare attentamente ed in maniera verticale i nuovi mercati emergenti e, in particolare nei consumatori, sarà necessario scongiurare la falsa rappresentazione della gratuità dei servizi ricevuti (come ad es. il servizio di consegna a domicilio) perché, è bene ricordare, “se è gratis allora il prodotto sei tu”.

5G and Logistics: future perspectives

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *